Categorie
Mission

Aps Benedict

BENVENUTI NELLA NOSTRA COMUNITA’. LEGGI LA NOSTRA MISSION!

Ci occupiamo di borghi, di villaggi mediterranei, di sole, musica, enogastronomia, architettura vernacolare, economia circolare e promozione delle COLTURE, della CULTURA e del reinsediamento di FAMIGLIE nei paesi in via di spopolamento. Pensiamo che le famiglie ed i lavoratori da re-insediare nei borghi antichi, con il loro codice etico, religioso e simbolico contribuiscano a rendere coeso e a rigenerare il mondo dei villaggi mediterranei, contrastando così il fenomeno dell’abbandono dei borghi e l’indebolimento di tutta la struttura societaria, produttiva ed urbana dal Nord al Sud d’Italia, seguendo il grande modello delle comunità sorte intorno a Cassiodoro, San Basillio, San Benedetto e San Domenico. E inoltre, rispettando tempi e luoghi dei vecchi insediamenti, ma ponendo di nuovo in connessione il vecchio con il nuovo, le intelligenze ed i cuori di oggi con la tradizione di ieri…

– Ogni età e intelligenza dev’essere trattata in modo adeguato.

(S. Benedetto da Norcia)

Categorie
Architettura vernacolare Cultura Enogastronomia

Borghi del Tirreno e Relax

Tra i tantissimi viaggi che possiamo fare, sicuramente almeno una volta nella vita tutti abbiamo desiderato una meta rilassante e sentito il grande bisogno di staccare la spina, di fare un viaggio antistress per riposarci e rilassarci nel modo migliore possibile.

Esistono alcune mete che assicurano questo tanto agognato relax: eccone sette dove non ci si può pentire di aver passato qualche momento nella pace dei sensi (da Nord a Sud del Tirreno): San Nicola Arcella, Diamante, Fiumefreddo, Nocera Terinese, Gioia Tauro, Palmi, Scilla.

SAN NICOLA ARCELLA

…Iniziamo a rilassarci veramente alla Torre di San Nicola Arcella. Costruita durante il vicereame spagnolo da Carlo V per difendere le coste dagli attacchi dei turchi, si trova su un contrafforte per sorvegliare e proteggere la baia. Una solida torre costruita nella roccia, che sorveglia il borgo e il mare. I colori del Mediterraneo sono perfetti qui per trascorrere le vacanze compiendo splendide incursioni con la barca a vela. È il mare che si è innamorato di questo lembo di Calabria e come dargli torto: questo mare è cristallino e ha spiagge meravigliose.

Torre Crawford all’altro capo della Baia

Oggi la torre, dopo aver cambiato diversi proprietari e aver rischiato di diventare un circolo nautico e un ristorante, è di proprietà di una famiglia di Napoli, che ha recentemente presentato un progetto per trasformarla. I colori profondi della Torre Saracena offrono uno sguardo pieno di quiete e silenzio, e fino a qualche decennio fa c’era ancora qualcuno nel centro storico del paese (che all’epoca si chiamava Casaletto), che ricordava un posato e aristocratico signore anglosassone che veniva a trascorrervi l’estate per dedicarsi alla scrittura, il famoso scrittore Crawford. Il romanziere torna spesso a San Nicola, dove completò uno dei suoi ultimi romanzi ‘Il rubino della diva’ (1907), soggiornandovi alla ricerca di luoghi e tracce del passato medievale di questa zona, cornice ideale per i suoi racconti intrisi di mistero…

DIAMANTE

C’è poi l’isola di Cirella, di fronte a Diamante. Ci troviamo nella natura selvaggia e incontaminata della Calabria, cosa chiedere di più per la pace dei sensi? Un’isola tutta da scoprire, piena di risorse e di luoghi incantati con panorami da mozzare in fiato. Da qui è impossibile tornare stressati.

Un vero e proprio eden dal fascino tutto suo. Diamante è il luogo perfetto per chi cerca una vacanza dove mare, sole, relax e divertimento siano al primo posto.

Isola di Cirella (Diamante, CS)

La sua fama di Buen Retiro è dovuta anche alla cultura Calabrese che è rimasta fra la popolazione e si rispecchia in magnifici scorci da visitare.

Da rifarsi gli occhi con le gigantesche montagne del Pollino alla sue spalle, con un’atmosfera, dove il traffico cittadino non potrà che essere solo un lontano ricordo.

FIUMEFREDDO

Di certo una delle mete più relaxing di sempre, fra mare e vigneti è Fiumefreddo, in Calabria. Immersi nella meditazione, nei paesaggi collinari, o al mare su confortevoli pedalò che navigano lenti sulle lunghissime spiagge.

E’ una zona della Calabria, questa, molto meno turistica dove il relax è davvero allo stato puro. Provare per credere.

Archi diroccati nel borgo di Fiumefreddo

Conosciuta come parte della c.d. costiera dei cedri, è una delle mete dal turismo più giovane, una delle ultime scoperte tra le location maggiormente ambite. Un luogo che offre opportunità uniche al mondo in quanto a relax, tra meravigliose spiagge, campagne assolate ed agrumeti ancora inesplorati.

Piazza a Fiumefreddo

NOCERA TERINESE

Come non pensare a una di quelle mete che saltano subito in mente quando si pensa a un’oasi di pace relax? Certo, stiamo parlando proprio di ciò che pensate: una costa lunga e ricca di spiagge, la destinazione sognata da tutti gli aspiranti vacanzieri.

Un paradiso quasi tropicale immerso fra spiagge di un bianco candido come la neve e acqua turchese come il cielo. Una località in particolare da non perdersi è Nocera Terinese.

Scorcio di Mar Tirreno (Nocera Terinese)

Si trova nel Mar Tirreno, a sud di Fiumefreddo, vicino alle coste di Lamezia Terme e Pizzo Calabro, di certo non una delle prime località che ci si immagina. Tuttavia, Nocera Terinese è un paradiso in terra dove la vita scorre a ritmo lento dinnanzi al paesaggio calabrese della Valle del fiume Savuto, rappresenta senza dubbio una delle mete verso le quali immagina di volare se si cerca una vera alternativa alle solite destinazioni. Qui si può gustare l’omonimo vino del Savuto DOC.

GIOIA TAURO

E’ il luogo della Stroncatura, una deliziosa e amarognola pasta integrale della piana vicino a Gioia Tauro, la seconda pianura più grande della regione, racchiusa tra il Mar Tirreno, il Monte Poro e l’Aspromonte.

Fronte del Porto a Gioia Tauro

Qu il relax è massimo, in uno dei bellissimi agriturismi del fertile centro agricolo, ricco di agrumeti e ulivi secolari. Le due città principali del luogo, Gioia Tauro e Palmi, si contendono la paternità della Stroncatura, un momento di quiete a tavole per gustare una celebrità della cucina locale. Se vuoi mangiare però quella vera devi andare a Gioia Tauro. La Stroncatura arrivò a Gioia Tauro, pare, nel 1919, portata direttamente da Atrani, paese della Costiera Amalfitana. Alcuni mercanti venivano a Gioia perché, all’epoca, il paese era un’importante arteria mercantile.

Meglio gustare la pasta davanti al meraviglioso pontile del porto sul mare violetto di Gioia Tauro…

PALMI

Se si tratta di Palmi, è una destinazione a cui non possiamo non fare un pensierino quando si tratta di scegliere la vacanze, e che gode di numerose attrazioni spassosi e distensivi allo stesso tempo.

Scampagnate allegre fra le boschi e un incantevole entroterra, con cascate da restare a bocca aperta. È quello che troverete nel Parco Naturale dell’Aspromonte, regione storica dalle spalle di Palmi, principalmente rurale e montana, a pochi passi da ambite mete sciistiche come Camigliatello.

Monte S. Elia (Palmi)

L’Aspromonte è uno parchi naturali più accidentati d’Europa, luogo ricco di grotte in cui perdersi, ritrovarsi e ritornare continuamente. Il luogo è per definizione il luogo dell’avventura. Località da sogno, appena sbarcati vi meraviglierete di trovare una regione dove tutto appare totalmente incredibile. Un paesaggio mozzafiato capace di donare al visitatore una pace interiore di una profondità unica e irripetibile.

SCILLA

Una Collina incantata, un promontorio dominato dal castello Ruffo, fianchi di montagna verdi e rigogliosi dell’Aspromonte alle spalle, boschi e improvvisi precipizi dietro Scilla, in cui avventurarsi dopo pranzo.

Castello Ruffo

La cittadina di Scilla, oltre a disporre di una lunga costa (Rena Grande) e di numerose spiagge rocciose che si alternano dal lato del quartiere di Chianalea, ha il privilegio di disporre di molte ore di luce quotidiana.

Consigliata la discesa ripida di Chianalea, uno spicchio di costa incastrato tra i vicoli in cui si incontrano ristoranti deliziosi e verande affacciate sul mare terso…

Si trova nell’estrema parte su del Tirreno calabrese questo stupendo parco naturale, silenzioso ma allo stesso incantevole, in cui ci si può smarrire fra i vicoli del paesino avvolti dalla vasta natura incontaminata dell’Aspromonte.

Chianalea
Categorie
Architettura vernacolare

Badolato, stile di un borgo calabrese

Badolato esprime per eccellenza lo spirito del borgo marino calabrese: Quiete in altura, guardando dalla cima di un colle il sottostante golfo di Squillace.

Dopo essersi lasciati alle spalle colori, profumi e suoni del mar Ionio, si salgono i lenti tornanti in auto per immergersi in un suggestivo centro legato a figure di santi e beati: è una tipica destinazione anche del pellegrinaggio della Calabria, oasi di ospitalità, silenzio e meditazione, per via di una bellissima chiesa isolata ai piedi dell’abitato.

Chiesa di piedi dell’abitato

Un invito al raccoglimento e alla contemplazione in luoghi ideali per una rigenerazione fisica e mentale, luoghi dove l’accoglienza è considerata sacra. 

E’ un centro che, non solo, emana un profondo senso di spiritualità, intriso com’è di devozione religiosa e dove sono nate e vissute figure spirituali di rilievo, – ma è anche luogo dotato di proprie peculiarità naturalistiche e storico-culturali, meta di viaggiatori consapevoli di vivere esperienze intime che lasceranno un segno.

Profilo del borgo

Ogni borgo della Calabria offre emozioni sempre diverse ma con denominatori comuni: paesaggi incantevoli, tradizioni secolari, capolavori artistici, monumenti archeologici, eccellenze artigianali e piatti tipici. Ma Badolato, in particolare, è un borgo magnificamente abbarbicato sui rilievi sedimentari della Calabria più marina e azzurra.

Borgo sul golfo

ARCHITETTURA OSPITALE, MA STRATEGICA

A Badolato si respira fraterna spiritualità. Attorno al centro abitato, immersi nel verde mediterraneo, si respira la memoria storica di un centro geografico-culturale della Calabria centro-orientale, intrisa di storia, religiosità e cultura, avvolto da storie e leggende.

Panorama

L’architettura è quella di un borgo medioevale oggi divenuto una meta turistica molto ambita e apprezzata. Non solo, il paese è anche rinomato centro culturale, legatissimo alle tradizioni della civiltà agropastorale di un tempo e a celebrazioni di riti sacri. Il tutto in un territorio denso di attrazioni culturali e naturalistiche e dalle molte chiese (tra esse spiccano Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Chiesa di Santa Maria della Sanità, Chiesa dei Santi Angeli Custodi e Chiesa di San Leonardo).

Quiete nel borgo

Molto particolare è la generale disposizione di tutto il borgo, dovuta alle antiche incursioni di Saraceni. Di questi predoni del mare è rimasta appunto un’eredità strategica, ancora oggi completamente visibile, nell’architettura vernacolare di Badolato, disteso come un forte difensivo sulla collina madre, dalla base alla sua sommità, arroccato così per ragioni di avvistamento e protezione da questi invasori, i turchi ottomani.

Visione notturna

Un analoga disposizione difensiva è riconoscibile nei vicini borghi di Davoli Superiore (praticamente invisibile dal mare) e S. Andrea sullo Ionio (posto su una piccola altura).

Dalla piazza